Francesco Buzzurro inizia a soli 6 anni a suonare la chitarra a plettro per passare poi allo studio della chitarra classica. Diplomatosi al Conservatorio Bellini di Palermo perfeziona la sua tecnica presso l’International Arts Academy di Roma. Laureatosi in Lingue Straniere, sviluppa un’intensa attività concertistica e vince numerosi concorsi nazionali tra cui il “Savona in Musica”.

Alla sua passione per la musica folk ed allo studio della classica, Francesco Buzzurro affianca una profonda attività di ricerca nell’ambito della musica jazz sviluppando ben presto una particolare maniera d’improvvisare che gli consente di entrare a far parte dell’Orchestra Jazz Siciliana. Successivamente  si esibisce con alcuni  “mostri sacri” del jazz come Toots Thielemans, Diane Schurr, Arturo Sandoval, Peter Erskine, Bob Mintzer, Phil Woods e altri ancora.
Tre dischi precedono l’esploratore: “Latinus”,  “Freely…” che contiene arrangiamenti di standards della musica mondiale come “Summertime”, “Granada” e “Rapsodia in Blue” e  “Naxos”. Nel 2008 è autore della colonna sonora del film “Io Ricordo” prodotto dai fratelli Muccino conquistando il premio Efebo D’oro (nello stesso anno vinto da Pupi Avati  per la carriera) come miglior colonna sonora. Francesco Buzzurro ha collaborato, inoltre, con Renzo Arbore, Lucio Dalla, Ornella Vanoni, Orchestra Sinfonica Siciliana (Concierto De Aranjuez).
Annualmente Francesco Buzzurro tiene dei seminari unificati per i dipartimenti di chitarra classica e jazz alla University of Southern California di Los Angeles ed è stato votato dalla famosa rivista di settore Musica Jazz come uno dei chitarristi più talentuosi del panorama nazionale. Ha suonato di recente per l’ex presidente francese Valéry Giscard d'Estaing, a Minneapolis in occasione della convention mondiale del “Lions Club International”, alla notte delle chitarre a Parma con Solieri, Portera, Cesareo, Cottafavi, Radius.
Di ritorno dalla tournée negli States dove ha toccato i luoghi di culto della buona musica tra cui il “Dakota Jazz Club”,  il 13 aprile 2009 ha vinto l’ambito premio "Groove Master Award"  grazie al suo talento perché “nell’ambito del groove e del contemporary jazz è riuscito ad offrire una nuova visione musicale, completata da una tecnica unica al mondo”.
Il 27 novembre 2009 è uscito “L’esploratore” (Alfredo Lo Faro Produzioni/Irma Records/Edel), il nuovo disco di Francesco Buzzurro, un viaggio che ripercorre i suoni e le musiche dei popoli del mondo interpretati dalla tecnica unica del chitarrista siciliano.

[fonte: Parole & Dintorni, Milano – gennaio 2010]