A+ A A-

Chiude il 14 dicembre la mostra “Inquieta libertà dell’anima”

  • Scritto da Enrico Zoi
dal 14 novembre al 14 dicembre 2008
sala del Maneggio Chiablese della Cavallerizza Reale
TORINO

“Inquieta libertà dell’anima” la mostra di Giuliano Fazzari

Curata da Tiziana Borra, storica dell'arte, la mostra Inquieta libertà dell’anima presenta un singolare percorso attraverso volti, linee ed esili figure di palloncini che salgono al cielo, sintesi del desiderio di infinito dell’animo umano.

Un senso di leggerezza permea il susseguirsi di quadri e parole , versi e immagini che si dilatano in spazi e atmosfere e descrivono l’anelito e l’inquietudine dell’anima alla ricerca dell’unione con l’essenza più pura, eterea, intangibile. Semplice. Essenziale. Come apparentemente semplici ed essenziali appaiono i soggetti e le linee tracciate. I quadri divengono visioni oniriche degli stati da esplorare nel cammino verso l’unità con lo spirito. Un percorso reso evidente da progressive stratificazioni e gradazioni di forme e colori, dove le immagini divengono sempre più rarefatte e i contorni meno pieni e intensi, dove i toni e le linee disorientano e rassicurano, segnano i pieni e i vuoti, demarcano una netta linea di confine tra immanente e trascendente, materiale e spirituale, realtà e sogno, desiderio e appagamento.
Si ha la sensazione di essere avvolti dalla tavolozza pittorica di Fazzari, dalle emozioni che essa sprigiona. A turbare apparentemente questa armonia irrompono volti taglienti, melanconici, irrequieti, quasi a sottolineare con la loro dissonanza la fragilità umana.

La mostra è promossa dall’Associazione Culturale Oltreimari con il patrocinio e la collaborazione della Regione Piemonte, del Comune di Torino e del Comune di Brandizzo.

Orari: 10,30 -19,00 martedì-domenica. Lunedì apertura su appuntamento Ingresso libero