A+ A A-

Salvatores, Giménez-Bartlett e Mini Noir per il Festival Noir

  • Scritto da Enrico Zoi
Festival Noirdal 4 al 10 dicembre 2008
Courmayeur Noir in Festival
PalaNoir
COURMAYEUR (AO)

Numeri e nomi che contano per il 18° Courmayeur Noir in Festival. 40 tra film, serie tv e programmi speciali, 10 titoli in concorso, 20 scrittori da tutto il mondo (come Tom Rob Smith e Marcus Sakey), ospiti di prestigio quali Gabriele Salvatores e la scrittrice catalana Alicia Giménez-Bartlett, e poi "Noir al Femminile" e "Passione del Complotto".
Ospiti-evento peraltro. Come Salvatores (in uscita in questi giorni il suo 'Come Dio comanda', da Ammaniti), che il 7 dicembre propone una jam-session tra cinema, musica e teatro. Con la complicità di Elio Germano, Filippo Timi e del gruppo dei Mokadelic, ispirata proprio al suo ultimo film.
In cartellone anche incontri per ragazzi con Enzo D'Alò, Valeria Montaldi, Marco Pagot e quelli di "Non Aprite Quelle Porte" con gli 007 all'italiana, tra cui Neil Connery, fratello di Sean e per una breve stagione pure lui spy-divo.
Ma è il Festival anche delle grandi anteprime. Quella del film sul caso Moro di Aurelio Grimaldi "Se sarà luce sarà bellissimo", ad esempio. «La rassegna - spiega il direttore Giorgio Gosetti - avrà un tema portante nella passione del complotto. Anche il caso Moro ha fatto scoprire all'Italia la passione del complotto, così come negli States l'omicidio Kennedy, cui è dedicato "Le piège américain" di Charles Biname, in concorso». Il tema sarà poi affrontato il 7 dicembre in un incontro tra giornalisti, scrittori, saggisti e analisti.
L'apertura del festival, giovedì 4 dicembre, spetta però a "The Bank Job" di Roger Donaldson. La chiusura del 9 dicembre a “Surveillance” di Jennifer Lynch. Tra le anteprime del Mini Noir, il fantasy "Ember" di Gil Kenan e il film Disney di Natale "Beverly Hills Chihuahua".
E poi il concorso. La Giuria internazionale (il premio Oscar Richard Price, lo scrittore Don Winslow, il regista Pablo Trapero e le attrici Valentina Lodovini e Astrid Berges-Frisbey), premierà il miglior film con il Leone Nero, riconoscimento voluto dalla Regione Valle d'Aosta e realizzato dall'artista locale Arnaldo Tranti.
«Il Courmayeur Noir in Festival - ricorda l'assessore al turismo Aurelio Marguerettaz - è divenuto nel corso degli anni un appuntamento tradizionale di rilievo, caratterizzato da un articolato e interessante programma di eventi con ospiti internazionali, che ha trovato nella località ai piedi del Bianco un luogo di espressione ideale. Per questo la Regione lo supporta con un importante contributo finanziario».

Il programma 2008.